Make your own free website on Tripod.com

8 - 187

Bambini

Sino a circa quindici anni orsono, i terapeuti suggerivano abitualmente che i genitori transessuali sparissero per sempre dalla vita dei loro giovani bambini.

Il progetto era di dire ai bambini che il genitore era morto o andato lontano per un nuovo lavoro.

Apparentemente, questo fu fatto per proteggere i bambini dal diventare psicologicamente traumatizzati o confusi. Alcune mogli possono sostenerlo tuttora.

Comunque, l'esilio del genitore transessuale non è più sostenuto dalla maggior parte dei terapeuti del genere. Se al bambino è detto che il genitore è via lontano ed egli non visita o telefona più, il bambino si sente abbandonato, non amato, e non amabile. Questa tattica (o dire che il genitore è morto) è inutilmente doloroso per il bambino e per il genitore transessuale. Priva il bambino dell'amore e del coinvolgimento di quel genitore, e priva il genitore del piacere dell'osservazione e partecipazione nello sviluppo, crescita, e allevamento del bambino. Questo è irragionevole e ingiusto. Come un mio paziente FemminaàMaschio scrisse:

Il sentimento d'amore per mia figlia mi opprime. Il mio ex-marito me l'ha presa, dicendo che come transessuale, io non avrei avuto il diritto di crescerla e neppure vederla. La figlia che io portai, feci nascere e nutrii.

Il vuoto e il dolore dalla separazione mi ha lasciata ferita e dissanguata, e freneticamente cerco di riparare e chiudere il sentimento di vuoto e dolore. Talvolta, non ho niente dentro, nessun sentimento né anima. È come se il mio spirito mi avesse lasciata.

Ho sentito sentimenti come questo troppo spesso. Nonostante molte perdite siano insite nella transizione, la perdita o la separazione da un bambino è quella che causa il maggior dolore ai transessuali che sono genitori.

Non c'è ragione logica perché chi vive nell'opposto ruolo di genere debba essere separato dalla propria prole. Un cambiamento di sesso non diminuisce in nessun modo l'amore di un genitore per il proprio bambino, neppure influenza la capacità di essere un buon genitore.

Circa una dozzina dei miei pazienti hanno avuto la custodia esclusiva dei loro bambini, e questi bambini sono cresciuti per essere adulti felici, equilibrati, senza conflitti di genere, sessualmente fiduciosi.

Infatti, uno studio condotto da Richard Green nel 1978 trovò che bambini cresciuti in una famiglia transessuale sviluppano una identità di genere non conflittuale e un orientamento eterosessuale e non differiscono da bambini cresciuti in famiglie più convenzionali.

La rivelazione

La maggior parte dei genitori transessuali svela la propria condizione ai figli faccia a faccia. Talvolta, quando genitore e figlio vivono distanti o sono estraniati, la rivelazione è fatta per lettera. In entrambi i casi, se il bambino è giovane, il transessuale può ottenere l'aiuto dall'altro genitore o di altri membri della famiglia per fornire al bambino ulteriori informazioni e un continuo sostegno emotivo.

Due lettere sono qui rappresentate La prima scritta da un FàM al figlio estraneamente cresciuto, la seconda da un divorziato MàF alla giovane figlia che vive con la madre in una città lontana.


Caro figlio,

Certe lettere sono più difficili da scrivere di altre. Questa è veramente dura. Quel che ho da dirti è che sono una transessuale

Cosa significa? Significa che sin dall'infanzia, io ho pensato che sarei dovuta nascere maschio. Significa anche che per oltre cinquant'anni ho resistito e combattuto la mia natura interiore. Secondo il consiglio e il parere di altre persone, ho cercato di diventare una donna, per crescere e affrontare le mie responsabilità come una femmina, e compiacere quel che ognuno si aspettava da me. Fino ad un certo grado ebbi successo. Tuttavia ho sempre avuto l'opinione che un giorno avrei agito per essere me stesso. L'agonia con la quale vissi fu sapere che qualsiasi cosa avessi fatto, avrei ferito qualcuno.

Se io continuavo come femmina, avrei ferito me stesso e quelli intorno a me a causa della mia frustrazione. Se terminavo di vivere come femmina, avrei ferito quelli a me vicino non essendo quella che volevano fossi. Sembrava una situazione senza possibilità di vittoria finché il problema divenne di vita o di morte, e l'auto-conservazione mi assorbì. Potevo almeno salvarmi dal caos.

Perché te ne parlo ora? Io intendo vivere il resto della mia vita come un uomo. Non più aspetto femminile. Tu ha bisogno di conoscere nonostante tuo padre desideri che io non te ne parli. Questa dichiarazione può spiegare molti miei comportamenti da quando partii dieci anni fa.

Cosa pensi di fare con questa informazione? Io non te lo posso dire. Tu devi decidere. Tu puoi essere ferito, arrabbiato, confuso, deluso--o potresti anche essere lieto per me. Tu hai probabilmente supposto per diversi anni che qualcosa di misterioso mi sia accaduto. Quindi ora sai. Dipende da te come reagire.

Cosa succederà poi? Questo, anche, dipende da te. Noi possiamo essere amici o no. Tu puoi avere domande da farmi. Se è così, io risponderò a tutte le tue domande completamente e onestamente come meglio potrò.

Cosa mi piacerebbe? Mi piacerebbe vederti, parlarti, e spiegarmi a te per soddisfarti. Io ho sentito di averti deluso  e aver fallito come madre.

Potrebbe esserci una possibilità per noi come amici. Lo spero.

Attendo la tua risposta

La tua madre affettuosa,

Mary/Max

Cara Melissa,

Ho alcune cose da dirti, ma non sono sicuro di come farlo. Ci sono stati molti cambiamenti nella mia vita, molti dei quali non potresti capire. Forse tua madre può aiutare a spiegare quel che sto per dirti.

Quando ero molto giovane, più giovane di quanto sei tu ora, io desideravo essere una ragazza come te. Il desiderio crebbe dentro di me per molti anni finché un giorno dovetti fare qualcosa per poter essere felice ed impedire che questa emozione crescesse fino ad esplodere causando dolore a me o ad altri. In ottobre, andai in ospedale, dove un dottore eseguì un'operazione che rese il desiderio realtà.

Poiché sono ora una ragazza, ho dovuto cambiare il mio nome, e ho scelto Angela. Non è grazioso come Melissa, ma mi piace. Cosa ne pensi?

Melissa, io sarò sempre il tuo papà. Nessuno potrà mai cancellarlo. Ma ora che sono una ragazza come te e tua madre, trovo difficile firmarmi come John o Papà. Io non posso essere tua madre perché tu ai già la miglior madre del mondo. Ma io posso essere la tua amica molto speciale--un'amica che ti ama moltissimo e vuole solo il meglio per una piccola lady molto speciale che si chiama Melissa.

Se hai qualche domanda o ti piacerebbe parlare di quanto è successo, ti prego di scrivermi, e io cercherò di spiegarti ogni cosa meglio che posso. Se ti piacerebbe una foto della tua nuova speciale amica--io--ti prego di farmelo sapere, e te ne invierò una.

I spero che tu capisca e sappia che continuo ad amarti e così farò sempre.


Le reazioni dei bambini

L'impatto della dichiarazione sui bambini è largamente dipendente dai loro genitori ed eventualmente dai parenti stretti. Se gli adulti nel loro ambiente sono amareggiati od ostili alla situazione, in collera con il transessuale, e reticenti, come se proteggessero gli altri da qualche azione spregevole o criminale. Essi possono diventare depressi, ansiosi, e combattuti. E se gli viene chiesto di custodire un segreto famigliare, possono diventare vergognosi e isolati.

Comunque, se gli adulti trattano con le loro emozioni razionalmente e risolvono i problemi correttamente, i bambini possono sperimentare un genitore transessuale come una sorgente di chiarimento un dono di prospettiva e sfida che può rinforzarli.

Come regola, i ragazzi prepuberali possono  gestire la transizione purché l'altro genitore e i membri della famiglia non sminuiscano il genitore transessuale. Aiuta riconoscere che i bambini crescono con storie fantastiche e cartoons nei quali avvengono continuamente trasformazioni.

Nel "La Bella e la Bestia", uno dei più recenti film animati, la bestia e tutti gli utensili sono incantati--essi erano tutti umani finche non fu lanciato su di loro un incantesimo .

In "Il principe Ranocchio", il principe fu stregato e trasformato in una rana. In entrambi i casi bestia e rana, amore incondizionato e accettazione distrussero l'incantesimo, ed emerse l'uomo che era intrappolato. I bambini abitualmente capiscono questo concetto e sono a proprio agio con esso; non è realmente per loro come una ricerca per capire la trasformazione di un uomo in una donna o di una donna in un uomo.

Nei cartoons figure cambiano forma costantemente, animali parlano, fiori cantano, Superman vola. I bambini accettano la trasformazione come normale. E se spiegato a loro amorevolmente e razionalmente, essi possono trattare con la situazione del loro genitore e con l'avere due genitori della stesso sesso.

La maggior parte dei ragazzi vuole genitori amorevoli e vogliono trattare con la realtà del transessualismo piuttosto che perdere l'amore e il coinvolgimento del genitore transessuale.

Se il rapporto tra il genitore e il bambino era buono prima della transizione, rimane buono dopo. Quel che è importante è mantenere aperta la linea della comunicazione, le domande e le preoccupazioni del bambino devono essere trattate con onestà, e il genitore transessuale si muova lentamente e rispetti i confini del bambino.

Un ragazzo di dieci anni il cui padre lavorava come maschio ma trascorreva gran parte del tempo libero come femmina spiegava:

Quando scoprii, fui stupefatto. I ho sempre pensato di avere solo un papà, e ora scoprivo di Gina. Adesso ho un papà che è in parte mamma. Quel che mi aiutò fu che mio papà la introdusse lentamente. Prima, me ne parlò e mi lasciò abituare e quindi mi mostrò immagini di Gina. Per questo non fui shockato quando incontrai la persona reale. Quindi non mi costrinse con lei continuamente prima che me ne fossi abituato.

Ora trascorro molto tempo con entrambi. Quando lei è in giro, io ho due mamme.

Io ho un amico che come me ha due mamme. Egli vive con una e poi va a vivere con l'altra. Ci sono ogni genere di differenti famiglie. La mia non è veramente così strana. Io mi diverto molto con entrambi Gina e John. Gina fa le cose meglio di John, e io posso fare cose diverse con ognuno di loro. Finché so che papà è ancora dentro e continua ad amarmi come sempre farà, io non penso che avrò alcun problema quando egli cambierà in modo permanente.


Se i ragazzi sono adolescenti nel momento della transizione del genitore, possono avere più difficoltà da affrontare. Alcuni provano il timore di perdere i loro amici o diventare zimbello a scuola e l'attenzione del pettegolezzo. Ragazzi dello stesso sesso del genitore transessuale possono temere che il transessualismo possa trasmettersi a loro o che essi possano aver ereditato il problema.

Altri provano vergogna e imbarazzo. L'immagine è importante per i bambini adolescenti, ed essi sono facilmente imbarazzati da ogni cosa che non sia conforme--il marchio sbagliato delle scarpe da tennis o dei jeans, la marca sbagliata dell'auto, l'accento dei genitori--e queste cose sono insignificanti confrontate con l'avere un genitore che sta cambiando sesso. Questi ragazzi diventano depressi, distanti, scontrosi, o ribelli al dover affrontare la vergogna o l'imbarazzo del transessualismo del loro genitore. Alcuni diventano così arrabbiati che dicono di desiderare la morte del genitore.

Sheila, una ragazza di 15 anni disse:

Io mi sentii sconcia quando lo scoprii. Mi sentii come se fosse opera mia. Mio fratello lo sapeva, e quando me lo disse, io non potevo crederlo. Prima risi, e poi piansi. Perché papà stava facendo questo alla nostra famiglia? All'inizio, ero così arrabbiata che talvolta desideravo che fosse il padre di qualcun altro o anche che fosse morto. Poi divenni triste perché tutto quel che potevo pensare era a come avrebbe potuto accompagnarmi lungo la navata quando mi sarei sposata. Io ricordo che "chiusi" per tre mesi. E poi al mio quindicesimo compleanno, crollai in classe e non potei fermare il pianto. Fui inviata dall'assistente sociale della scuola, che combinò con me per avere una consulenza regolare.

Il consulente mi spiegò che non è un mia colpa, che le persone hanno ogni genere di problemi esistenziali, e che io dovrei imparare ad accettarlo e cambiare perché non c'è niente che io possa fare per modificare la condizione di papà. Io lo capisco intellettualmente, ma emotivamente talvolta mi colpisce ancora duramente.

I bambini di transessuali spesso richiedono consulenze individuali o famigliari per aiutarli a capire e trattare con il transessualismo del loro genitore. 

Anche la fiducia in amici, tolleranti verso il transessualismo, facilita molto l'accettazione da parte dell'adolescente.

Una ragazza lo espresse bene:

Ero in ottava quando lo scoprii e fui veramente spaventata di come i miei amici se ne sarebbero occupati. Io temevo che avrebbero potuto pensare che la situazione era così strana che avrebbero rinunciato a me piuttosto che affrontarla. All'inizio, mi depressi mentre cercavo di immaginare la situazione. Ma i miei amici furono grandi. Mi offrirono sostegno immediato. Non lo giudicarono; non dissero che era strano. Se mi avessero esclusa, io sarei impazzita. Invece loro pensano che è interessante. Adesso, se non sono in casa quando vengono, loro bazzicano con Wendy. Io ho un fidanzato stabile, ed egli è completamente favorevole.  Lui vuole solo sapere quale pronome usare per non offenderla. Io voglio dire  agli altri ragazzi nella mia situazione che stanno perdendo il simbolo sociale di un padre, ma non stanno perdendo il loro genitore. Voglio inoltre dire che il loro genitore sarà probabilmente più felice e più affettuoso, e quindi la loro relazione sarà probabilmente migliore, come tra me e Wendy.

Alcuni teen-ager, specialmente le ragazze, accettano i loro genitori transessuali incondizionatamente e li amano come sempre--o anche di più, ora che conoscono quanto il loro genitore ha sofferto. Una ragazza di 18 anni disse:

Io sono favorevole. La mia relazione con Tonya non è mai stata migliore. Tonya è largamente diversa dal maschio, Tim.  Molti atteggiamenti negativi sono scomparsi. Tonya è più positiva e cordiale. Lei non riceve quei grandi flussi di testosterone. Lui tornava sempre dal lavoro arrabbiato. Ogni cosa era cattiva. Beveva dodici birre e urlava. Ora abbiamo un rapporto buono, stabile, affettuoso. Noi siamo diventate più simili. Io la rispetto, e sono orgogliosa del suo coraggio.


Le reazioni dei figli adulti sono varie. Alcuni rifiutano, altri tollerano, e altri sono molto affettuosi. Alcuni invitano il loro genitore transessuale a tutti i maggiori eventi famigliari, comprese le feste di nozze, e quando hanno i propri figli, includono il nonno o la nonna transessuale nella vita dei loro figli.

Jonathan, trent'anni, a dispetto di alcune apprensioni iniziali sostenne la transizione di suo padre:

Io penso che mio padre sia più felice che mai e più aperto di prima. Ci fu sempre distanza tra noi quando ero un ragazzo. Io non sapevo perché. Quando scoprii la notizia, fu difficile ma non il termine della relazione.

Mio padre fu sempre la persona più intelligente che conoscevo. Se sta migliorando se stesso, sarebbe una mia sconfitta se lo gettassi via. Ma non l'ho ancora visto in abiti femminili. Gli dissi all'inizio "dammi un'idea di cosa succederà, perché tutto quel che posso fare è immaginarti in questo orribile vestito giallo a pois, e l'immagine mi spaventa a morte." D'altra parte, questo è mio padre, e io lo amo. Se vuole essere una donna, è OK per me--purché continui ad amarmi come ha sempre fatto. Il limite è come mi tratta. Io voglio solo che mi mostri che sono amato.

Le reazioni iniziali dei genitori, coniugi, e bambini di transessuali discussi in questo capitolo non vogliono coprire l'intera gamma di possibilità--ma sono tipiche delle famiglie con le quali ho lavorato negli anni.

Similmente, le reazioni degli altri parenti come fratelli, zie, zii, e cugini possono essere egualmente diverse. L'unica eccezione che ho trovato nella mia pratica sono state le nonne. In quasi tutti i casi, le nonne sono state di sostegno ai loro nipoti transessuali.

Come abbiamo illustrato, sebbene alcuni famigliari sono immediatamente in grado di offrire amore, sostegno, e comprensione ai transessuali nelle loro vite, altri richiedono più tempo.  Qualche volta settimane o mesi. Altre volte, certi famigliari richiedono anni per superare la loro negatività, collera, dolore, e risentimento. Fortunatamente, comunque, la maggioranza è alla fine in grado di aprire il proprio cuore e la mente.